English
Italiano

... noi è da un PO' che ci crediamo!

L’Oltrepò Pavese celebra il Santo missionario irlandese, fondatore dell’abbazia di Bobbio, con un calendario di eventi territoriali organizzati in luglio e agosto

Testi di Cinzia Montagna

san colombano

La scultura di Marco Piovani realizzata in occasione dell’evento

Ricordare la figura di San Colombano e valorizzare l’influenza che l’abbazia di Bobbio ebbe sulle “culture” dell’Oltrepò Pavese: è questo lo scopo dell’iniziativa itinerante “Sulla via di San Colombano” che coinvolgerà nel periodo di luglio e di agosto varie località dell’Oltrepò. L’occasione: nell’anno 615, il santo missionario irlandese moriva a Bobbio e, 1400 anni dopo, vari eventi organizzati a livello sia territoriale sia internazionale commemorano quella data. L’area della Valle Versa, in particolare, fu il luogo in cui avvenne la traslazione temporanea  delle spoglie del santo nel  luglio del 929 da Bobbio a Pavia presso re Ugo di Provenza.

La traslazione avvenne al fine di ottenere, tramite un’azione di forte sensibilizzazione e coinvolgimento popolare, l’intercessione del sovrano in difesa del monastero bobbiese, minacciato da tentativi di usurpazione da parte di potenti locali. Ottenuto l’intervento del re, le spoglie furono trasportate di nuovo a Bobbio.

Durante il percorso da Bobbio a Pavia avvennero alcuni miracoli al passaggio della reliquia. Il più noto fra questi accadde, secondo tradizione, a Canevino, dove un bambino muto dalla nascita iniziò a parlare alla vista della teoria dei monaci che trasportavano le spoglie del Santo.  I documenti che ricostruiscono l’episodio sono tutti concordi su un fatto: nell’occasione, il parroco del posto andò incontro ai monaci, affaticati dal viaggio, offrendo loro come sostentamento non acqua ma vino. Ed è questa una delle testimonianze indirette più antiche dell’esistenza di una pratica di coltivazione delle uve e produzione  di vino in Oltrepò Pavese ancor prima dell’anno 1000. Per tale ragione, gli appuntamenti programmati nel progetto “Sulla via di San Colombano” abbinano a momenti di approfondimento storico e di celebrazione anche occasioni di convivio, assaggio o degustazione con i vini dell’Oltrepò.

Ad accompagnare fisicamente l’iniziativa e a  rivestire il ruolo di collegamento d’immagine e fisico fra gli eventi organizzati sarà una scultura che ritrae San Colombano realizzata per l’occasione da Marco Piovani, artista che anni fa scelse di trasferirsi da Milano in Oltrepò, a Canneto Pavese, e di dedicarsi qui alla creazione di opere scultoree in legno (intervista video: www.infopointstradella.it/le-mani-il-cuore-e-l-ingegno/marco-piovani ).  Al termine degli eventi programmati, la scultura di Piovani sarà installata in modo stabile a Monteveneroso di Canneto Pavese, a cura dell’Associazione “I Rumér del Barocius di Monteveneroso” in un punto ancor oggi percorso da pellegrini lungo la via di San Colombano. L’iniziativa “Sulla via di San Colombano”, destinata a promuovere in via prioritaria il percorso corrispondente con quello della traslazione, ha inoltre la caratteristica di evento aperto: oltre alle località che già hanno aderito al calendario degli appuntamenti, altre potrebbero aggiungersi, considerando l’eredità culturale di Colombano su gran parte del territorio oltrepadano.  Approfondimento video sulla storia di San Colombano: intervista dello storico Giancarlo A.Baruffi (2013) www.infopointstradella.it/voci-e-visioni/san-colombano

 

“Sulla via di San Colombano”

il calendario appuntamenti e località coinvolte è in progress…a breve tutte le informazioni 

 

11 luglio:        Castana

17 luglio:        Canevino

18 luglio:        Canneto Pavese

27 luglio:        Golferenzo

1 agosto:        Montescano

2 agosto:        San Damiano al Colle 

9 agosto : Zavattarello

20 settembre: Ruino

18 ottobre: Santa Giuletta

Da definire:  Brallo di Pregola

 
 

Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale: l'Europa investe nelle zone rurali
PSR 2007-2013 Direzione Generale Agricoltura